• Admin

Obbligo di applicazione del CCNL Edile per fruizione benefici

Aggiornamento: 6 mag




L’obbligo si applica ai lavori iniziati a partire dal 27/05/2022 e l'Agenzia delle Entrate verificherà quanto dichiarato in fattura attraverso l’Ispettorato del lavoro, l’Inps e le Casse Edili




L’art. 4 del DL 25.2.2022 n. 13, stabilisce che per i lavori edili* di importo superiore a € 70.000, i benefici di cui:


• detrazione 110%;

• detrazione 75% per superamento e eliminazione di barriere architettoniche;

• credito d’imposta per l’adeguamento degli ambienti di lavoro;

• opzione per sconto in fattura e cessione del credito;

• bonus mobili;

• bonus verde;

• bonus facciate.


sono riconosciuti a condizione che nell’atto di affidamento dei lavori sia specificato espressamente l’applicazione, da parte del datore di lavoro, dei contratti collettivi del settore edile, nazionale e territoriali, stipulati dalle associazioni datoriali e sindacali.


Il contratto collettivo di lavoro applicato, oltre che nell’atto di affidamento dei lavori, deve essere specificato anche nelle fatture emesse in relazione all’esecuzione dei lavori.


I soggetti abilitati (dottori commercialisti / consulenti del lavoro / responsabili dell’assistenza fiscale dei CAF) al fine del rilascio del visto di conformità sono tenuti a verificare che il CCNL applicato sia indicato nell’atto di affidamento dei lavori e riportato nelle fatture emesse dagli esecutori dei lavori.


Gli obblighi sopra indicati entrano in vigore a decorrere dal 27.5.2022 e trovano applicazione con riferimento ai lavori avviati successivamente a tale data.


Le suindicate disposizioni e i conseguenti controlli vanno applicati anche ai subappaltatori i quali sono tenuti a garantire gli stessi standard qualitativi e prestazionali previsti nel contratto di appalto prescelto dal contraente principale e a riconoscere ai lavoratori un trattamento economico e normativo non inferiore a quello da quest’ultimo garantito.




* Allegato X, D.Lgs. n. 81/2008 - lavori di costruzione, manutenzione, riparazione, demolizione, conservazione, risanamento, ristrutturazione o equipaggiamento, la trasformazione / rinnovamento / smantellamento di opere fisse, permanenti o temporanee, in muratura / cemento armato / metallo / legno / altri materiali, comprese le parti strutturali delle linee elettriche e le parti strutturali degli impianti elettrici, le opere stradali, ferroviarie, idrauliche, marittime, idroelettriche e, solo per la parte che comporta lavori edili o di ingegneria civile, le opere di bonifica / sistemazione forestale / sterro, lavori di costruzione edile o di ingegneria civile, gli scavi, il montaggio e lo smontaggio di elementi prefabbricati utilizzati per la realizzazione di lavori edili o di ingegneria civile.


41 visualizzazioni